Periodici e giornali digitalizzati (2)

Periodici e giornali digitalizzati (2)

Dopo un primo scandaglio fatto in un articolo precedente ( Periodici e giornali digitalizzati) in cui ho presentato alcuni progetti e periodici consultabili nella Biblioteca Digitale Ligure, nella Biblioteca Digitale Faentina e Periodici locali della Biblioteca Barrili – Savona, nel proseguire la ricerca on line di periodici e giornali digitalizzati, mi sono imbattuto nella Emeroteca Digitale Veneta.

Il progetto è stato pensato e realizzato dall’Università di Padova. Attualmente (come si legge su Internet Culturale che ospita il fondo),

La collezione comprende attualmente una sessantina di pubblicazioni periodiche stampate a Padova prevalentemente nella seconda metà dell’Ottocento. [Queste testate] costituiscono un prezioso documento della vita cittadina in tutti i suoi aspetti. Vi figurano giornali di attualità che rappresentano le varie posizioni presenti sulla scena politica, da quelli di orientamento liberal-progressista come L’Antenore, Avanti sempre!!! o Il Risveglio, a quelli di orientamento moderato e monarchico come La sentinella o Il Corriere del Veneto o radicale e socialista come Avvenire. Giornale degli studenti radicali o La Sentinella. Si tratta in molti casi di testate di breve vita ed estrema rarità, nel caso dei giornali radicali spesso sottoposte a censure e sequestri. Ben rappresentati sono i periodici culturali, dal più antico Biblioteca germanica di scienze, lettere ed arti (1822-1823), di rigorosa impostazione scientifica, ad altri rivolti ad un più ampio pubblico colto come Il dono di primavera, L’Eco dei giovani o il Giornale Euganeo. Sono presenti anche testate dedicate ai cultori di pratiche sportive come il Periodico della Società di ginnastica educativa di Padova o la Palestra di Padova o ludiche, come La sfinge di Antenore, tra le più antiche riviste italiane di enigmistica. Infine non poteva mancare Il Caffè Pedrocchi, il più celebre e fortunato dei giornali padovani, uscito tra il 1846 e il 1848.

L’Emeroteca digitale veneta si pone quindi come eccellente punto di riferimento per studenti e studiosi desiderosi di approfondire la conoscenza storica del Veneto usufruendo di materiale raro e di altrimenti difficile consultazione.

A poco a poco, dunque, su questo blog si va formando una mappatura delle fonti periodiche e dei giornali disponibili in rete. Dovrò riordinare e coordinare un po’ gli articoli e il numero dei siti che presentano e offrono questo tipo di materiale è ancora incompleto. Ma come dice il detto, “eppur si muove”: Emeroteca Digitale Veneta

Precedente I campi fascisti. La repressione nel ventennio Successivo Storia delle donne. Rivista on line