L’influenza Spagnola negli Stati Uniti

L’influenza Spagnola negli Stati Uniti

Come è noto, sul finire della prima guerra mondiale e nel periodo immediatamente successivo imperversò in tutto il mondo un’epidemia di febbre, detta comunemente Spagnola, che portò alla morte di centinaia di migliaglia di persone.

La febbre attecchì facilmente sui corpi affaticati, provati e indebiliti dei soldati. Ma anche nel cosiddetto “fronte interno” trovò terreno fertile su cui prosperare e mietere vittime: le condizioni di lavoro durissime, specialmente nelle fabbriche di produzione bellica, gli orari prolungati, la scarsa igiene e l’alimentazione spesso insufficiente furono tutti fattori che incisero notevolmente nel dilagare della Spagnola tra i lavoratori dell’industria e quindi, inevitabilmente, nelle città. D’altra parte, nelle campagne le donne si ritrovarono a sostituire gli uomini nei lavori dei campi anche nei casi in cui avevano trovato qualche altra forma di impiego. Di qui l’elevato numero di vittime anche tra le donne e tra coloro che non erano stati al fronte.

Ora l’Università del Michigan ha realizzato un progetto consistente in una mappatura del dilagare dell’influenza negli Stati Uniti. Si tratta di un progetto estremamente ricco e articolato. Il sito raccoglie un’enorme quantità di informazioni ricavate sia dalla stampa specialistica della medicina, sia da rapporti militari e sanitari, quanto anche da stampa non specialistica come quotidiani e altre pubblicazioni.

Si tratta quindi di un materiale composito, di diverso “valore” o, quanto meno, di diversa affidabilità. Ma non di meno si tratta di materiale prezioso qualunque sia la fonte di provenienza: se i saggi pubbliati su riviste scientifiche non sono di facile reperibilità, gli articoli apparsi sulla stampa quotidiana sarebbero praticamente inaccessibili ai non addetti ai lavori.

The sprawling base hospital complex at Camp Zachary Taylor, on the outskirts of Louisville. It was the largest military camp in the United States at the time.

I dati archivistici e cartacei sono corredati da un’amplissima sezione fotografica e, soprattutto, come accennato a inizio articolo, da una dettagliata mappatura che consente al lettore di localizzare la zona, la località o la città che intede approfondire.

Se in sede storiografica gli studi sulla Spagnola cominciano ad essere numerosi, il sito realizzato dall’Università del Michigan offre informazioni e indicazioni fondamentali per uno studio comparato o a carattere globale.

Buona lettura.

Influenza Encyclopedia

 

Precedente L'inventario di Radio Londra per l'Italia nella seconda guerra mondiale Successivo Early Americas Digital Archive (EADA)

Lascia un commento

*