Libri Open Access nella Humanities Digital Library

Libri Open Access nella Humanities Digital Library

Le iniziative Open Access si stanno moltiplicando un po’ ovunque. Per quanto mi riguarda, penso che i testi che sono stati pubblicati da un tot di anni o che, pubblicati ma esauriti e mai ristampati dovrebbero essere digitalizzati. Diverso può essere il discorso per libri recenti sui quali gli autori vantano diritto di Copyright; dopo tutto fare ricerca è impegnativo e spesso costa anni di lavoro. Ma il discorso è complesso: spesso i libri di storia sono commissionati e pagati da vari enti; la loro natura è fondamentalmente diversa da quella dei romanzi. E in tutti i casi, primo, ogni Paese ha le proprie leggi e le proprie regole; secondo, prima di esprimere giudizi tranchant è bene informarsi adeguatamente sulla materia: perciò, per il momento, non mi esprimo.

Ma se le osservazioni che ho fatto sopra valgono come autore, come lettore non posso non rallegrarmi della bella e promettente iniziativa della Humanities Digital Library, che in collaborazione con la London University e altri enti sta dando rendendo liberamente accessibili testi specificamente indirizzati agli studenti, ma molto utili anche a studiosi e singoli appassionati.

Nello specifico sono stati digitalizzati dieci monografie che sono lieto di segnalare in quanto alcune di esse mi interessano particolarmente: sono due monografie su Londra – e una prende in esame i francesi a Londra -, una su Winston Churchill, una monografia di taglio storico-medico che è uno studio comparato tra Irlanda e Gran Bretagna e una monografia dedicata all’attivista, filantropa e femminista Octavia Hill. Vi lascio scoprire gli altri…

Per chi fosse interessato ci sono anche una collana dedicata alla Giurisprudenza e una sui classici.

Augurandoci che la biblioteca venga incrementata con regolarità, non vi resta che andare qui: Humanities Digital Library

Precedente 1914-1918 on line - International Encyclopedia of the first world war Successivo Bohemia - una rivista sull'Europa centro-orientale

Lascia un commento

*