L’archivio dell’Istituto Luce si rinnova

L’archivio dell’Istituto Luce si rinnova

Riprendo e stralcio accorciandolo un bell’articolo di www.regesta.com:

Ormai, nolenti o volenti, non è possibile pensare di comunicare in rete, soprattutto al pubblico più giovane, senza passare per piattaforme quali Facebook, Twitter, Instagram e, soprattutto, parlando di audiovisivi, Youtube. Già nel luglio del 2012 un accordo con Google aveva permesso la creazione di un canale Luce su youtube  all’interno del quale è possibile visionare circa 30.000 cinegiornali delle due principali testate presenti in archivio: i Giornali Luce e La Settimana Incom. In sostanza quasi un quarantennio di storia italiana. Le risposte sono state molto positive e anche per questo si sta pensando di aumentare il numero di cinegiornali da caricare.

Tutto questo ha reso necessario un profondo ripensamento del portale Luce. Accanto quindi a un OPAC che gestisce le ricerche su tutti i fondi presenti in Archivio, si è pensato di aggiungere una parte redazionale che sarà più attenta proprio a forme diverse di comunicazione.

Una time-line ci farà viaggiare nel tempo proponendo approfondimenti sugli avvenimenti più importanti: anniversari, nascite, morti, senza trascurare fenomeni di costume, dal Carnevale a Sanremo, dall’estate al Natale.

Una sezione di news permetterà di informare sulle attività di tutti i settori dell’Archivio e una sezione dedicata alla mostre, informerà sulle molteplici iniziative di questo tipo che si susseguono ormai da diversi anni. Basti pensare al Luce e l’immaginario, nata per celebrare i 90 dell’Istituto Luce e che fino ad ora è stata allestita, dopo l’esordio a Roma, a Buenos Aires, Mantova, Catania, Matera e che presto approderà a Napoli.

Tutti gli avvenimenti saranno condivisi sui social e saranno creati spazi appositi per interloquire con chi ci segue per ricevere consigli, richieste e anche critiche.

Le novità saranno molte altre ancora e sarà bello scoprirle via via che saranno presentate.

Precedente Progetto E. R. - Grande Guerra Emilia-Romagna. Tra orizzonte regionale e nazionale Successivo Lucio Villari - Bella e perduta

Lascia un commento

*