Archivio digitale della Rivoluzione Francese

Archivio digitale della Rivoluzione Francese

Un altro progetto sulla Rivoluzione Francese! Questa volta l’Archivio digitale sul grande evento.

Se fossi un programmatore, uno di quei fenomeni informatici capaci di reare nuove app, tenterei di inventarne una che raggruppi i siti principali. Solo negli ultimi giorni, in un sito modestissimo come il mio, sulla Rivoluzione Francese è il terzo sito che segnalo ( il sito https://revolution-francaise.net/ e la collezione di opuscoli in https://archive.org/details/newberryfrenchpamphlets ).

Certo, la ricorrenza della presa della Bastiglia è appena passata, ma nel caso della Rivoluzione Francese non si può applicare il detto “passata la festa gabbato lo santo”. Gli eventi cominciarono da quel 14 luglio 1789, mica finirono.

L’Archivio digitale della Rivoluzione francese è frutto della collaborazione tra la  Stanford University e la Bibilioteca Nazionale di Francia, ed è presumibile che abbia avuto una gestazione lunga. L’enorme quantità di fotografie furono raccolte nel 1989 (probabilmente in occasione del bicentenario della Rivoluzione).

L’Archivio si compone di due fonti principali: la prima è costituita dagli 82 volumi (più 20 di indici) degli Archives Parlamentaires (1789-1794), pubblicati alla metà dell’800 come fonte per gli studiosi.

Uno dei volumi degli Archives Parlamentaires

e  le immagini, suddivise per argomenti per facilitare la navigazione:

un corpus di circa 14000 immagini, tutte ad alta risoluzione (scaricabili o da condividere online) – incisioni, illustrazioni, immagini di monete, medaglie o di altri manufatti – provenienti principalmente dalle collezioni del Dipartimento di stampe e fotografia, o selezionate in altri dipartimenti della biblioteca nazionale francese.

La Bastiglia

Molto utile e piacevole è la Chronologie de la Révolution, una timeline che si può scorrere e che offre una carrellata degli avvenimenti principali.

la Ghigliottina (considerata un progresso in quanto più rapida e quindi più civile della mannaia del boia)

Se è fuor di dubbio che gli Archives Parlamentaires interessano soprattutto gli specialisti, è alotrettanto vero che l’enorme quantità di immagini, di stampe, monete e altro materiale, e l’organizzazione e la fruizione dell’Archivio digitale della Rivoluzione Francese riscuoterà successo anche fra i non addetti ai lavori.

l’indirizzo URL è il deguente: https://frda.stanford.edu

Precedente Romagna Arte e Storia - 2015-105 Successivo Metti in valigia uno storico da manicomio